Una full frame stellata - La Lumix S1R nelle mani di Angelo Ferrillo
CARICAMENTO

Digita per cercare...

Cover Story Lasciati Ispirare

Una full frame stellata – La Lumix S1R nelle mani di Angelo Ferrillo

Marco Cappati
Condividi

L’arrivo sul mercato della full-frame di casa Panasonic ha creato non poco scompiglio, facendo rivedere le certezze di molti professionisti e non che erano convinti di aver trovato la pace dei sensi con altri brand.

Angelo Ferrillo, Hasselblad Local Ambassador, fotogiornalista, docente di fotografia e photoeditor, è conosciuto al grande pubblico principalmente per la sua street photography, ma non tutti sanno che realizza progetti di documentazione e narrazione a medio e lungo termine, oltre a lavorare nel mondo della fotografia per aziende ed editoria.

Ho chiesto ad Angelo se per una volta avesse voluto portare con se la Panasonic Lumix S1R con montato su l’S-R 24-105 F4 Macro O.I.S. venduto separatamente oppure in kit con il corpo macchina,
spremerla come un limone e darci le sue impressioni da professionista.

Ha accettato volentieri e per testarla gli è sembrata la giusta occasione il progetto fotografico sugli undici ristorati a tre stelle Michelin realizzato a quattro mani con la sua compagna e collega Sara Rossatelli.

“Una delle difficoltà principali di questo lavoro, al di la della parte puramente operativa ed organizzativa, è stato quello di unificare una condizione di luce che cambiava da cucina a cucina, in questo viaggio che ci ha portati ad attraversare tutta l’Italia e dove ogni Chef ha creato delle condizioni di luce ottimali atte a sviluppare le proprie lavorazioni in cucina” dice Angelo e poi continua “oltre poi a quello di confrontarsi con situazioni variabili di volta in volta in una cucina che, durante il servizio, diventa una vera e propria trincea. Ordinata, pulita, ma di base frenetica e che deve fare fronte alle richieste di clienti con delle aspettative elevatissime”.

“La prima cosa che salta all’ occhio di questa macchina è l’ergonomia. Una incredibile presa e un bilanciamento e distribuzione dei volumi e dei pesi. Si riesce a entrare subito in sintonia con la sua maneggevolezza, per quanto le dimensioni possano trarre in inganno. La seconda cosa che subito ci fa entrare in contatto con la macchina è il mirino. Un EVF incredibilmente nitido e preciso, con colori vividi e fedeli in qualsiasi condizione di luce”.

A quanto riportato, le prime impressioni di Angelo mi fanno capire che la macchina gli piace, ha instaurato subito un rapporto di “amicizia” con la Panasonic Lumix S1R, ma ora bisogna fare i conti con il resto delle caratteristiche.

“Impostati pulsanti programmabili, messa a fuoco, scheda, correzione diottrica e funzioni, dai primi scatti si è instaurato un feeling interessante con la macchina. Secondo me è utilissima la leva di blocco delle funzioni LOCK che evita il cambio di importazioni accidentali.

La macchina è molto reattiva. L’autofocus non perde un colpo e la velocità di aggancio dei soggetti è impressionante. La possibilità di tracciare il soggetto e tenerlo agganciato fino allo scatto sicuramente è una garanzia per chi ha bisogno di tenere sempre il contatto con i propri soggetti.
L’ho provata per curiosità, ma per il tipo di fotografia che faccio non è indispensabile.

La fedeltà del bilanciamento del bianco la si nota in fase di post-produzione, non te ne rendi conto al momento, ma è affidabile. Anche utilizzando l’impostazione automatica si è certi di avere una fedeltà della temperatura colore in ogni condizione di luce e variazione”.

Quante volte vi siete trovati di fronte ad un file che in post-produzione deve essere variato per la sua temperatura colore e la replicazione del reale trova delle difficoltà?
Angelo ci fa notare questa condizione che molto spesso non è tenuta in considerazione nella valutazione di una fotocamera che scegliamo come nostra compagna di lavoro.

Ma le considerazioni più interessanti arrivano ora, quando Angelo si trova a tu per tu con i file della macchina.

“Sono abituato a salvare subito i file sull’ SSD esterno ad ogni fine lavoro e fare anche una copia di backup. Il sensore da 47,2MP genera dei file raw “importanti” (siamo nell’ ordine dei 70MB per raw) e in qualche modo ti danno già la certezza di avere immagazzinato tutte le informazioni di cui avevi bisogno e che quando lavorerai i file avrai la possibilità di poter intervenire in modo immersivo.

I file sono BELLI, puliti, incisi. Si riesce a mettere insieme tutte le parti del progetto (11 ristoranti dislocati su tutto il territorio nazionale con condizioni di luce totalmente differenti).
La resa cromatica è intensa e anche il viraggio sul bianco e nero genera dei toni uniformi e delle gradazioni di grigio che passano dal bianco al nero nel modo più naturale possibile.
L’interazione tra temperatura colore, gestione delle luci e dei contrasti è naturale, sembra di aver avuto a che fare con questi file da sempre, anche se mi ci trovo a contatto per la prima volta.
Devo dire che si tratta di sinergie molto importanti per un fotografo, forse anche più della tecnologia stessa che muove il contatto con il mezzo”.

La soddisfazione di Angelo è supportata dalle sue immagini che vanno a sancire quanto ci ha espresso nella sua prova test.
Ha usato la macchina per un periodo di 5 mesi, con la produzione di oltre 8000 file, quindi non parliamo di un semplice touch&try.

Come sempre affidiamo le nostre macchine ai migliori professionisti per darvi le recensioni migliori.
Se avete qualche dubbio o curiosità scriveteci nei commenti, vi risponderà Angelo quanto prima.

La Lumix S1R insieme alle sorelle S1 e S1H in questo momento e fino al 30 Giugno 2020 si trova in promozione con uno speciale finanziamento fino a 24 messi.
La particolarità di questa campagna è che oltre il pagamento rateale, la prima rata è a 90 giorni e non c’è alcun tipo di spesa accessoria e interesse.

Approfittane e dai anche tu vita a foto incredibili!

Tags
Marco Cappati
Marco Cappati

Da sempre appassionato di fotografia, videomaking e digital marketing ha unito le proprie passioni al lavoro dirigendo la storica azienda torinese in una nuova comunicazione giovane ed innovativa dal 2011 al 2018. Fonda nel 2020 la sua personale Agenzia di Comunicazione specializzata in Digital Marketing.

  • 1

Potrebbero Piacerti

Commenta

Your email address will not be published. Required fields are marked *