Hasselblad X1D II 50C: ancora 50MP, ma tante migliorie
CARICAMENTO

Digita per cercare...

Cover Story News

Hasselblad X1D II 50C: ancora 50MP, ma tante migliorie

Simone Rudas
Condividi
hasselblad, fowa, fowa magazine, mirrrorless, x1d ii, hasselblad x1d ii

Il medio formato Hasselblad, nella sua versione mirrorless, non cambia veste ma quello che c’è sotto. Presentata la nuova X1D II 50C

Tutti gli amanti del marchio Hasselblad aspettavano da tempo questo annuncio. E ad essere sinceri anche noi. Hasselblad ha iniziato da qualche giorno con una campagna teaser a svelare piccoli dettagli del nuovo modello che oggi ha presentato al mondo. A distanza di 3 anni esatti dalla prima rivoluzionaria mirrorless medio formato, la X1D, arriva il secondo modello della casa svedese. Si chiama semplicemente Hasselblad X1D II 50C e al primo impatto sembra proprio di essere davanti alla prima versione. Ma non è così, infatti, nonostante si sia scelto di mantenere lo stesso premiato design, la nuova mirrorless di Hasselblad può contare su molte migliorie. 

L’azienda ha scelto di rimanere fedele alla linea proposta nel 2016, pulita, essenziale e soprattutto funzionale. Con il nuovo modello Hasselblad si aspetta di migliore ulteriormente l’esperienza di uso, apportando migliorie li dove era necessario per mantenere elevatissima la qualità e migliorare le prestazioni. E se qualche piccola differenza c’è comunque anche sul corpo macchina il meglio è stato fatto in termini di elettronica. Sul corpo troviamo un display touch screen da 3,6 pollici di diagonale (2,36 milioni di punti di risoluzione) quindi più grande della X1D, così come è stato ingrandito anche il mirino elettronico EVF che ora offre un’ottima visualizzazione della scena viste ed è inoltre accessibile anche il menu da EVF, così da velocizzare le operazioni soprattutto nelle giornate molto soleggiate, quando guardare il display potrebbe non essere facilissimo. Grazie alle aumentate risoluzioni di display e EVF sarà un gioia rivedere le immagini direttamente in camera.

Leggera e compatta la nuova X1D II offre la qualità del medio formato in un corpo più piccolo di molte fotocamere full frame: il peso del solo corpo macchina è di 650 grammi (diventano 1230g con l’obiettivo XCD 45mm). Ma al suo interno si nasconde il prestante sensore da 50 milioni di pixel, caratterizzato dall’ottima capacità di riprodurre tutte le sfumature di colore grazie alla tecnologia integrata Hasselblad Natural Colour Solution e ad una gamma dinamica di ben 14 stop. La nuova X1D II 50C sarà in grado di produrre file RAW da 16bit e JPEG full resolution

hasselblad, fowa, fowa magazine, mirrrorless, x1d ii, hasselblad x1d ii

Gli ingegneri hanno lavorato molto sulla user experience e, infatti, sulla nuova Hasselblad X1D II 50C, è stata migliorata in generale l’interfaccia touch, per rendere ancora più confortevole l’utilizzo di questa fotocamera. Tra le nuove funzioni aggiunte c’è la possibilità di selezionare e decidere le dimensioni del punto di fuoco toccando direttamente il display. Ma soprattutto tutti gli utenti del primo modello troveranno la nuova X1D II decisamente più reattiva: accensione più veloce, refresh rate in live view di 60 fotogrammi al secondo e shutter lag e black out time tra uno scatto e l’altro ridotti al minimo. In questo modo, dalla Svezia arriva una nuova fotocamera che renderà l’esperienza fotografica ancora più piacevole. Tutto ciò sarà possibile grazie ad un comparto elettronico rivisto ed aggiornato per essere al passo con i tempi. 

L’azienda, inoltre, punta molto anche sulla produttività in movimento, per intenderci, è stato rivisto il software di gestione Phocus Mobile portandolo alla versione 2 che permetterà di lavorare su iPad Pro o iPad Air in tutta comodità. Grazie alle connettività Wi-Fi e USB-C integrati sarà possibile lavorare wireless che in tethering collegando direttamente la X1D II al dispositivo compatibile. Ovviamente, sarà possibile sfruttare anche le versione desktop di Phocus, sia su Mac che PC. La versione mobile non sarà ovviamente ricca come quella per computer, ma comunque il fotografo potrà importare ed editare anche i file RAW, scattare in remoto avendo il controllo della fotocamera o anche semplicemente condividere le immagini alla massima risoluzione. 

hasselblad, fowa, fowa magazine, mirrrorless, x1d ii, hasselblad x1d iiAll’interno della X1D II troviamo anche un modulo GPS per sapere sempre dove abbiamo scattato le nostre fotografie. Non manca il doppio slot per schede di memoria SD (fino a UHS-II) per avere tanto spazio di archiviazione o per decidere di salvare contemporaneamente su entrambe le schede. 

Con la nuova Hasselblad X1D II saranno compatibili ovviamente tutti i 9 obiettivi XCD, ma, con i rispettivi adattatori, anche le ottiche HC/HCD, H, Xpan e V. Un mondo di obiettivi che offre un’escursione focale che parte dai 21mm e arriva fino ai 500mm. 
A proposito di obiettivi, Hasselblad, insieme alle nuova X1D II 50C, presenta anche uno zoom XCD 35-75mm f/3,5.4,5. Così come tutte le ottiche fisse XCD anche questo zoom sarà in grado di offrire una qualità eccellente da angolo ad angolo, offrendo anche una rapida messa a fuoco grazie al sistema interno. Ideale per chi è sempre in movimento, per chi in città vuole scattare uno dopo l’altro un ritratto e paesaggio urbano senza dover cambiare ottica, ma soprattutto per chi vuole muoversi con agilità avendo però a portata di mano la qualità tipica di Hasselblad. 

hasselblad, fowa, fowa magazine, mirrrorless, xcd 35-75mm, hasselblad x1d ii

La nuova mirrorless medio formato Hasselblad X1D II 50C sarà disponibile a partire dal prossimo luglio ad un prezzo suggerito al pubblico di 5.000 euro + IVA, mentre il nuovo obiettivo XCD 3,5-4,5/35-75 costerà 4.500 euro + IVA. Non ci resta che aspettare ancora qualche giorno per poter fare le prime prove prodotto grazie alla collaborazione del team di ambassador di Fowa. 

Le novità in casa Hasselblad, però, non finisco qui. Insieme all’annuncio della nuova X1D II sono stati presentati anche due oggetti che sicuramente faranno felici molti appassionati del marchio. Sto parlando del dorso digitale che potrà essere montato su tutte le fotocamere Hasselblad V dal 1957 in avanti: si chiama CFV-II 50C e può contare su diverse caratteristiche provenienti dalla serie X1D. Il sensore su tutte, ma come ad esempio anche la gestione della batteria o il display, che sarà lo stesso che troveremo sulla X1D II e che in più potrà essere orientato verso l’altro per ricreare l’effetto di un visore a pozzetto. Il dorso CFV-II sarà anche dotato di connessione USB-C. Ancora diverse le caratteristiche che Hasselblad ha tenuto nascoste, ma entro l’anno ne sapremo di più.

hasselblad, fowa, fowa magazine, 907X, digital back, x1dLo stesso discorso vale per l’altra novità di cui ancora devo parlare, la Hasselblad 907X. Si tratta di un corpo medio formato compatto su cui sarà possibile montare le ottiche della serie X e allo stesso tempo il nuovo dorso CFV-II. Un sistema modulare che permetterà di rivivere l’esperienza di scatto tradizionale di Hasselblad ma in versione digitale. Prezzi e disponibilità ancora non sono stati resi noti dall’azienda. 

Tags
Simone Rudas
Simone Rudas

Classe 1994, da sempre appassionato di fotografia e videomaking. Un genere preferito non esiste, dalla fotografia di paesaggio al ritratto, passando per la fotografia sportiva e street fino a quella aerea. L’importante è che si tratti di fotografia. Fa parte del Marketing Team di Fowa S.p.A. dal 2017, dopo gli studi presso la Scuola di Management ed Economia di Torino.

  • 1

Potrebbero Piacerti

Commenta

Your email address will not be published. Required fields are marked *